ANALISI POSIZIONAMENTO RETAIL

Con la partenza della nuova settimana, non possiamo non prendere visione dei sentiment che si presentano sui mercati valutari.

L’analisi del posizionamento retail ci mostra ancora uno scarso interesse per il basket Euro, dove i retail sono leggermente long al 58%, come sempre in linea con il posizionamento delle mani forti espresso dal cot report dove i large speculators sono leggermente short netti.

Anche sul dollaro americano i retail non sembrano esprimere un sentiment deciso, posizionandosi al 52$ corti, in linea con il sentiment di venerdi.

Interessante ancora la sterlina che ha visto nei dati del cot report una forte voglia di acquisti da parte delle mani forti, e trova conferma nel posizionamento corto all’85% dei retail.

Ancora alta l’esposizione sullo yen da parte dei retail che sono al 85% long, in perfetta contrapposizione con le mani forti che sono netti corti sul futures al cme di Chicago.

Ancora sentiment long sulle oceaniche, con un 62% long sul dollaro australiano e un buon 79% long sul dollaro neozelandese, come sempre in contrapposizione con il movimento direzionale ribassista delle due commodities currencies

Non possiamo dunque non analizzare il posizionamento sul cross gbpnzd che è giunto oramai a ridosso di 2.0070, con un sentiment in netto eccesso , che vede i retail short all’89% con i pmc long in netto profitto, essendo fermi al livello di 1.9890, ovvio quindi la voglia di ricercare un valido mean reverting.

Ancora interessante le dinamiche presenti su eurgbp, uno dei cross di maggiore interesse, che vede i retail long ancora al 94% a ridosso oramai delle aree di supporto di 0.8330, che se rotto porterebbe il corss fino alle successive aree di supporto di 0.8275, vera area targhet di medio periodo, dove sarebbe opportuna poi la ricerca del mean reverting.